Coda alla vaccinara

Coda alla vaccinara ,Figlia della cucina povera, ma una una grazia di Dio che solo dal profumo fa rinunciare a qualsiasi altro intingolo..

Coda alla vaccinara

Condividi sui SocialNetwork

Fai conoscere questa ricetta anche ai tuoi amici, condividendo sul tuo Social preferito.

  • 1{num}

Ingredienti necessari

Dettagli Ricetta

Segui:

Introduzione

La Coda alla vaccinara, come attesta Giuliano Malizia nel suo libro "La cucina romana ed ebraico romanesca" è "Figlia della cucina povera, ma una una grazia di Dio che solo dal profumo fa rinunciare a qualsiasi altro intingolo, appropriandosi di una sovranità assoluta che, tutto sommato, le spetta di diritto." Tra i principali piatti tipici della cucina romana, nasce nel Rione Regola dove abitavano i vaccinari. E' considerata la regina del "quinto quarto", ossia delle parti di scarto, assieme alla trippa e alla varie frattaglie. come dice Jannattoni "è un piatto regale e come tale va rispettato ,è un piatto molto difficile, che tutti vorrebbero fare, ottenendo il più delle volte risultati deludenti" La ricetta che ne da Malizia nel suo libro è la ricetta che ho preso come fonte di ispirazione, la mia è leggermente diversa..

Coda alla vaccinara: Preparazione

  1. Prendete la coda e tagliatela a "rocchi". Ora sciacquatela bene sotto l'acqua corrente per eliminare l'eventuale sangue.

  2. Ora in un tegame di terracotta ed uniteci il guanciale a pezzi con un cucchiaio di olio.

  3. Lavate il sedano e sbucciate le carote.

  4. Tritate finemente una cipolla sino a ridurla in poltiglia. Tagliate a pezzetti le carote e a pezzi il sedano.

  5. Appena rosolato versate la cipolla e gli spicchi di aglio interi.

  6. Unite la carota  e il sedano, e lasciate rosolare.

  7. Salate ed unite due chiodi di garofano. Mescolate delicatamente.

  8. Ora unite la coda e lasciatela rosolare a fiamma media per circa 10-15 minuti. Una volta che coda si è rosolata sfumate con il vino bianco, e lasciate evaporare per circa 15 minuti a fuoco medio.

  9. Ora aggiungete la passata ed il barattolo di pomodori a pezzi. Abbassate la fiamma, regolate nuovamente di sale e pepe e lasciate andare a fuoco minimo e coperta per circa 30 minuti. Aromatizzare con la maggiorana fresca.

  10. Unite una tazza di acqua calda , chiudente nuovamente e lasciate andare a fiamma minima per un'ora circa, finchè la carne non sia tenera e non inizia a staccarsi dall'osso. Spegnete il fuoco.

  11. Unite la cioccolata amara grattugiata con un pelapatate.

  12. Servite.

  13. Ps. Nel caso in cui il sugo ci sia in abbondanza preparateci le mezzemaniche, o rigatoni.

La coda alla vaccinara è pronta.Ora non vi resta che gustarla. Un saluto, Marla.

Trovi questa ricetta interessante?

Allora iscriviti gratuitamente alla mia newsletter, riceverai le mie ricette gratuitamente direttamente nella tua posta elettronica:

* campi richiesti

aka Marla

sara calagreti

Sono entrata in cucina da piccolissima, a 3 anni aiutavo nonna a preparare le polpette, ricetta che reputo rilassante. Poi il secondo amore, il prezzemolo. Penso che tritare il prezzemolo sia un un buon modo per rilassarsi. Ogni volta riprenderlo e triturarlo e così via via..

Continua a leggere →

Lascia un commento

Designed by Federico Ginosa